CONSAP Provinciale ROMA

Home » Posts tagged 'Amministrazione della P.S.'

Tag Archives: Amministrazione della P.S.

Il caso dei giubbotti antiproiettile: la burocrazia rischia di uccidere, negati al personale del pronto intervento e del controllo del territorio (Volanti)

Giubbotti antiproiettile: EDITORIALE del Segretario Generale dopo il successo della campagna social con quasi 5000 like e condivisioni

Giubbotti antiproiettile: EDITORIALE del Segretario Generale dopo il successo della campagna social con quasi 5000 like e condivisioni

EDITORIALE del Segretario Generale dopo il successo della campagna social con quasi 5000 like e condivisioni.
La Segreteria Generale della CONSAP ribadisce la necessità di consentire al più presto la dotazione del giubbotto antiproiettile leggero al personale dei reparti di pronto intervento della Polizia di Stato.
Ancora una volta l’Amministrazione della P.S., in risposta ad un quesito specifico da noi inviato, ci ripropone la necessità di applicazione della circolare del 2014 ribadita da una commissione ministeriale di recente orientamento, secondo la quale i giubbotti leggeri sottocamicia, in dotazione alla polizia vanno destinati solo ai settori investigativi.
La CONSAP ritiene che se errare è umano perseverare è diabolico ed anche rischioso e rilancia la proposta di revoca di quella circolare facendo appello al Capo della Polizia che ben conosce la realtà operativa.
“E’ ben noto a chi ha esperienza di pronto intervento – ribadisce il Segretario Generale Nazionale della Consap Cesario Bortone – che tale protezione deve avere una funzione di anticipare e prevedere l’evento rischio: infatti le due tipologie di intervento di polizia differiscono in maniera netta laddove l’investigatore va a sorprendere. mentre l’operatore delle volanti viene sorpreso dall’evento. In virtù di questa considerazione anche il personale delle volanti deve poter indossare il gap leggero pertanto la considerazione asserita nella circolare secondo la quale avendo già in dotazione il giubbotto tattico non necessiterebbero di ulteriore appesantimento, secondo la CONSAP non ha alcuna valenza. E’ ben noto infatti che il giubotto rigido tattico in dotazione alle Volanti rimane nell’auto e si indossa solo in situazioni di operazione a alto rischio ben note, con modalità ben definite, in previsione di uno scenario operativo pericoloso e con ricadute importanti sulla mobilità dell’operatore, una casistica molto circoscritta nel contesto di un turno di servizio a episodi come ad esempio di sparatoria in atto, ben diverso è invece la casistica che riveste la quasi totalità delle attività di pronto intervento laddove operazioni di routine possano trasformarsi in accoltellamenti o farli imbattere in individui spesso mentalmente alterati o armati ed in questi casi un giubbotto, in grado di resistere a arma di taglio o a calibri fino a 9 mm può fare la differenza fra la vita e la morte. L’episodio tragico ed auspichiamo irripetibile dei due colleghi della Questura di Trieste deve fare scuola: la dinamica ci racconta che i colleghi sono stati attinti da un individuo che non presentava caratteristiche di pericolosità e che solo la circostanza di essere riuscito a sottrarre l’arma di un collega, lo ha poi trasformato in assassino; se quei colpi a distanza ravvicinata fossero stati intercettati da un giubbotto antiproiettile anche leggero ora parleremmo di un tentato omicidio e non piangeremo due colleghi.
L’auspicio che il Capo della Polizia dall’alto della sua sensibilità possa revocare la circolare del 2014 lo vorrei esprimere – prosegue Bortone – anche in considerazione del mercimonio che si sta operando sulle spalle e sulle tasche dei colleghi dei reparti volanti invitati da “piazzisti che lucrano sulla paura” a dotarsi del Gap pagandolo di tasca propria, il tutto favorito dal fatto che l’Amministrazione continua ad opporsi alla distribuzione del Gap leggero al personale del pronto intervento.
Per queste ragioni la CONSAP tutta non arretrerà di un passo fino a quando la burocrazia dei palazzi non la smetta di operare in spregio alla realtà oggettiva e cominci a muoversi nell’interesse del personale che da troppo tempo rischia la vita a causa di circolari che trasudano di scarsa conoscenza operativa.

 

il Segretario Generale Nazionale della Consap Cesario Bortone

il Segretario Generale Nazionale della Consap Cesario Bortone

Polizia Stradale, Compartimento Lazio e Umbria, Verifica Semestrale (art. 5) Accordo Nazionale Quadro, esito convocazione CONSAP

Compartimento della Polizia Stradale Lazio e Umbria

Compartimento della Polizia Stradale Lazio e Umbria

Il giorno 10 ottobre 2018, presso la sede del Compartimento della Polizia Stradale Lazio e Umbria, si è svolto il programmato incontro in materia di Accordo Nazionale Quadroart. 5 per la verifica semestrale.
Per l’Amministrazione della P.S. presente il Dirigente del Compartimento della Polizia Stradale Lazio e Umbria del dr Mario Nigro.
Nell’incontro, svoltosi in un clima di cordialità, è emerso un apprezzabile aumento delle giornate lavorative destinate all’aggiornamento professionale nelle sue quattro tipologie; tuttavia si è evidenziato un difforme incremento dello stesso in particolar modo per le U.O.D. di Roma Est, Roma Ovest, Roma Nord, e Sott.ne di Civitavecchia, dove si è appurata una consistente carenza nell’aggiornamento ai tiri; si è altre sì posta l’attenzione sulla carenza degli aggiornamenti professionali di settore relativamente al personale pattugliante della Sezione di Roma, parzialmente compensata dall’E-Learning. L’amministrazione nella persona del Dirigente del Compartimento Lazio-Umbria dr Mario Nigro, preso atto delle segnalazioni effettuate dalla nostra sigla sindacale, si è impegnato ad una più attenta verifica e uniforme distribuzione delle giornate relative ai vari aggiornamenti professionali.
L’incontro è poi proseguito nell’esame del benessere del personale e delle pari opportunità, dove questa O.S. ha sottolineato la carenza da parte del personale civile della mensa di servizio della Sezione di Roma nel rispetto del capitolato contrattuale, nella fattispecie si è evidenziato il non rispetto dei menù particolari destinati alle giornate festive. Questa O.S. ha chiesto delucidazioni in merito, ipotizzando se tale carenza fosse  attribuibile al fatto che la ditta responsabile è in procinto di lasciare la gestione della mensa di servizio della Sezione, causa termine appalto e contenziosi in essere.
Si ravvisa inoltre la necessità di procedere alla sostituzione delle zanzariere dei locali del Corpo di Guardia della Sezione che periodicamente sono invasi da insetti e zanzare.
In merito a tali segnalazioni il dr Nigro si è reso disponibile ad una verifica sul rispetto del capitolato della mensa, sottolineando il fatto che al momento non ne era mai stato informato prima; per ciò che concerne i locali del Corpo di Guardia si è impegnato quanto prima a sollecitare la sostituzione delle zanzariere in questione.

 

Massimiliano Quaglieri
Segretario Locale Sezione Polizia Stradale ROMA
CONSAP – Confederazione Sindacale Autonoma di Polizia

Reparto Mobile di Roma, Verifica Semestrale (art. 5 e art. 19) Accordo Nazionale Quadro, esito convocazione CONSAP

Reparto Mobile di Roma, esito verifica sindacale

Reparto Mobile di Roma, esito verifica sindacale

Il giorno 2 e 4 ottobre 2018, presso la sede del 1° Reparto Mobile di Roma, si sono svolti i programmati incontri in materia di Accordo Nazionale Quadro, art. 19 per il confronto semestrale e art. 5 per la verifica semestrale.
Per l’Amministrazione della P.S. presente il Dirigente del 1° Reparto Mobile di Roma dr Paolo Mazzini.
L’intervento della CONSAP in riferimento al confronto (ex art. 19 A.n.q.) ha evidenziato la buona gestione e applicazione dei dati forniti dall’Amministrazione per lo straordinario programmato, per la reperibilità si è chiesto di affiggere all’Albo dell’Ufficio Servizi i nominativi del personale interessato, al fine di evitare contrasti con gli operatori che rientrano dal servizio fuori sede e svolge, successivamente il turno serale (in violazione A.n.q.), per il Riposo Compensativo la concessione è attinente alle modalità contrattuali.
In materia Formazione e Aggiornamento Professionale la CONSAP ha ravvisato delle anomalie sull’attività della “Formazione Binaria” per delle manifeste incongruenze sull’addestramento e le reali esigenze “della strada”.
In materia Verifica della Qualità della Mensa la CONSAP ha denunciato il trattamento indecoroso per la somministrazione del 2° ordinario e nella preparazione del sacchetto per il servizio di ordine pubblico (preparati dalla ditta incaricata la mattina per la sera, con troppe ore di conservazione che ne peggiorano la qualità).
In materia Protezione Sociale e Benessere del Personale e Misure dirette a Favorire Pari Opportunità nel lavoro la CONSAP ha chiesto di rispettare i criteri di coefficiente di reddito e di abolire l’ingresso in palestra ai dipendenti che lavorano al Reparto Mobile.

 

Gianluca (Drago) Salvatori
Segretario Provinciale di ROMA
CONSAP – Confederazione Sindacale Autonoma di Polizia