CONSAP Provinciale ROMA

Home » 2014 » ottobre

Monthly Archives: ottobre 2014

Scontri Roma : Innocenzi, i filmati delle mini-telecamere dimostreranno il corretto operato degli agenti

Scontri PoliziaRoma, 29 ott. (Adnkronos) – “Vertenze così delicate non possono trasformarsi in problemi di ordine pubblico, ci vorrebbe maggior dialogo, le istituzioni devono dare giuste risposte”. E’ il commento di Giorgio Innocenzi, Segretario Generale della Consap, confederazione nazionale dei sindacati autonomi di Polizia, ai disordini di oggi a Roma, fra le forze dell’ordine e i manifestanti delle acciaierie di Terni. Riguardo ai video degli scontri diffusi in rete Innocenzi dichiara che i filmati delle mini-telecamere in sperimentazione fra le forze dell’ordine dimostreranno il corretto comportamento degli agenti”.

 

RPC – Reparto Prevenzione Crimine LAZIO: cresce la CONSAP! Piano di lavoro per migliori condizioni di servizio

RPC LazioCONSAPCresce, giorno dopo giorno, il  consenso della CONSAP al Reparto Prevenzione Crimine Lazio, grazie ad una tenace e determinata azione della nuova segreteria locale. Nei giorni scorsi la Segreteria Provinciale di Roma e la Presidenza CONSAP hanno fatto visita al Reparto per una saluto al personale in servizio. Nella foto da sinistra: Di Niro, Cesario, Micchia, Roberti, Consoli e Guerrisi.

FANFARA. Relazioni Esterne e Cerimoniale: incontro con il dr. Domenico Cerbone

banda_musicaleUna delegazione della CONSAP, guidata dal Vice Presidente Nazionale Giuseppe Di Niro, dal Segretario Generale Provinciale Aggiunto di Roma Gianluca Guerrisi, dal Dirigente Provinciale Simone Casario e rappresentata inoltre dal Segretario Locale Antonio Marocco e dal Vice Segretario Andrea Florio della Fanfara, ha incontrato questo pomeriggio i responsabili dell’Ufficio Cerimoniale e Relazioni Esterne della Polizia di Stato nella persona del dr. Domenico Cerbone, del dr. Iodice e dell’Isp. Raffioli.
Il cordiale incontro, tenutosi in un clima molto professionale, con reciproca disponibilità, ha rappresentato per la CONSAP l’occasione per evidenziare alcune tematiche e problematiche emerse nel corso della partecipata assemblea sindacale, indetta dalla CONSAP, che si è svolta alcune settimane fa presso la Sala Musica della Fanfara della Polizia di Stato.
Nello specifico i dirigenti sindacali intervenuti hanno affrontato le seguenti tematiche:
Servizi Esterni Fanfara: è stato chiesto di adottare e seguire una più attenta e idonea valutazione della scelta dei servizi fuori sede, suggerendo di prediligere i servizi d’istituto;
Programmazione dei Servizi: come già avvenuto nel corso del precedente incontro, la CONSAP, ha ribadito la necessità di seguire una programmazione che racchiudesse un maggiore intervallo tra un servizio e l’altro per consentire al personale della Fanfara maggiore recupero, migliore efficienza e qualità professionale;
Servizi domenicali: è stato chiesto, pur comprendo la specificità dei servizi musicali che vedono impegni nella maggior parte delle giornate festive, di considerare la necessità di liberare il personale per qualche giornata di festa (in buona sostanza non di non accettare tutte le richieste festive. Anche i colleghi della Fanfara hanno, come tutti, esigenze familiari…);
Trasporto a carico delle località richiedenti: è stato suggerito di attribuire gli obblighi del trasporto alle località dove si richiede l’esibizione della Fanfara. Quando le distanze richiedono il pernottamento, a causa della distanza eccessiva, occorre un mezzo di trasporto più idoneo (Treno o Aereo) che faciliti il raggiungimento della sede e consenta ai componenti della Fanfara di non subire stress da viaggio con mezzi rudimentali e poco sicuri;
Carichi di Lavoro: per una maggiore efficienza dei servizi si è richiesto di alternare, negli impegni professionali di calendario, la Fanfara con la Banda Musicale. In questo modo si applicherebbe il principio dell’alternanza tanto utile ad una migliore resa lavorativa;
Comunicazione preventiva dei servizi : ancora una volta la CONSAP ha dovuto registrare la tardiva comunicazione degli impegni da parte del Maestro al gruppo della Fanfara, nonostante ciò fosse di sua conoscenza, nei piani di lavoro e saputo in anticipo, come confermato dallo stesso ufficio Relazioni Esterne. Tale comportamento, non comprensibile da chi dovrebbe garantire l’unità “di squadra” sta generando non pochi problemi alle necessità personali e familiari del personale che deve ogni volta disdire accordi familiari già organizzati. Per questa tematica la CONSAP chiede l’istituzione del calendario mensile degli impegni ;
Proposta Settimana Corta: la CONSAP ha chiesto anche all’Ufficio Relazioni Esterne dell’importanza di cambiare gli orari di servizio con la sperimentazione della settimana corta da adattare, ovviamente, alle esigenze e specifiche del servizio;
Rinnovo Strumenti Musicali: considerato il notevole lasso di tempo e l’usura degli strumenti musicali in utilizzo alla Fanfara, la CONSAP ha chiesto all’Ufficio Relazioni Esterne di interessare gli Uffici competenti del Dipartimento della P.S. affinché si possa esaminare la possibilità di finanziare la sostituzione degli strumenti con modelli nuovi;
Ferie Estive: come noto, la Fanfara ha la possibilità di richiedere la concessione delle ferie estive solo per la mensilità di Luglio, perché la Banda segue il periodo estivo per il mese di Agosto. Si comprende che ad Agosto la Fanfara si sovraccarica di tutte le incombenze del mese. A richiesta dei colleghi la CONSAP ha chiesto di esaminare la possibilità di dividere 15 giorni a Luglio e 15 giorni ad Agosto;
Il Maestro bacchetta gli scolari: abbiamo rappresentato il triste episodio avvenuto tra Maestro e componenti della Fanfara alla presenza di altre persone e colleghi. Nella speranza che ciò “non abbia più a ripetersi”, riteniamo che solo l’armonia e il rispetto delle persone possa portare migliori successi, la bacchetta che guida un gruppo è solo lo strumento per intonare e governare le note musicali e non certo per frammentare una compagine storica, applaudita in ogni circostanza. Non la roviniamo per manie di grandezza!!

Si ringrazia il dr. Cerbone (che ha ritenuto valide tutte le istanze della CONSAP) e la dott.ssa Di Paolo (Direttore dell’Ufficio non presente all’incontro per impegni di lavoro ma comunque disponibile) nonché tutto lo staff di direzione per aver ascoltato le richieste della nostra O.S. in un clima di rispetto e collaborazione, nella convinzione che il personale della Fanfara meriti tutte quelle attenzioni che al momento sono solo su carta e non seguite da fatti concreti.

Ispettorato P.S. Palazzo Chigi: crescente malumore serpeggiante tra il personale. La Consap si rivolge al Capo della Polizia

palazzo-chigiLa Consap si è vista costretta a scrivere al Capo della Polizia per segnalare il crescente malumore serpeggiante tra il personale in servizio presso l’Ispettorato di P.S. Palazzo Chigi in conseguenza della grave carenza organica nel ruolo degli agenti ed assistenti. Tale situazione, ormai insostenibile, coincide con un drastico e perdurante taglio al lavoro straordinario e con una gestione dirigenziale verosimilmente non idonea. Ciò posto la Consap ha chiesto un urgente e tempestivo intervento del Capo della Polizia affinchè la Direzione Centrale per le Risorse Umane invii immediatamente personale magari recuperandolo in qualche direzione centrale dove c’è personale e risorse per lavoro straordinario in abbondanza.

Ispettorato P.S. Viminale. Via CAVOUR – Nuove Turnazioni: Salta l’accordo grazie al solito “bastian contrario…” Rilancio della CONSAP !

ministero_internoSalta la permanenza all’accordo tra Sindacati e Direzione Ispettorato,
sulle nuove modalità di orario di servizio continuativo presso una delle
sedi periferiche del Ministero, grazie alla volontà di una sigla
sindacale che, in barba agli interessi dei colleghi che ben coniugavano
con le esigenze di servizio, si lagna e “manda a monte” un lavoro
certosino della CONSAP e di altre sigle sindacali da sempre vicine alle
attenzioni del personale. Un danno che “molesta” una volontà dei
colleghi e che basa il fondamento su una capricciosa e cavillosa piega
normativa. Tra l’altro, il dispositivo dei nuovi orari è già in uso in altri
ambiti lavorativi con successo, grazie al sistema delle deroghe. La
sede di Via Cavour , grazie alle motivazioni addotte dal Ministero, su
spinta del “bastian contrario” non avrà più la deroga alla turnazione
concordata nei precedenti incontri e concessa dalla precedente
Direzione. Quanto accaduto ha indotto la scrivente O.S. a prendere
immediati provvedimenti e raggruppare le richieste dei colleghi,
rilanciando sulla necessità di individuare una forma di turnazione
nuova, contemplata dal vigente A.n.q. e che addirittura trova una
maggiore soddisfazione, già annotata dalla CONSAP in apposito
sondaggio conoscitivo, con la consueta formula della sperimentalità.
L’attuale Direzione, con grande senso di responsabilità e disponibilità,
ha già espresso il proprio parere favorevole all’applicazione della
turnazione c.d. in terza proposta dalla CONSAP, previo accordo
maggioritario e con intendimento volontario del personale. Una
dichiarazione importante del dr. LOMBARDI che apre le porte ad un
possibile e storico cambiamento a donne e uomini in servizio presso
l’Ispettorato di P.S. “Viminale”.
Nei prossimi giorni, dirigenti sindacali della CONSAP, saranno ancora
disponibili per la sottoscrizione del sondaggio “scelta turno in terza”
(dove già molti colleghi hanno apposto con firma la propria aderenza),
una turnazione dalla nostra sigla sindacale sostenuta e che porterà
solo vantaggi e senza togliere soldi a nessuno, come meschinamente
dice qualcuno per soddisfare un proprio pensiero personale e la
propria ingordigia che per tanti anni ha portato profitti e vantaggi ai
soliti noti.

 

Ispettorato di P.S. VIMINALE : Dimissioni dal Sap ! Andrea Romano ex Vice Segretario Sap si unisce alla CONSAP !!

romanoCresce ancora e si rafforza la CONSAP !
Andrea Romano, Vice Segretario Locale sap, in servizio presso Ispettorato di P.S. Viminale, rassegna le dimissioni a quel sindacato e si unisce alla CONSAP !!Benvenuto e buon lavoro da parte della Segreteria Provinciale CONSAP di Roma!

Ispettorato di P.S. VIMINALE : Dimissioni dal Sap ! Paolo Di Natale ex Segretario Sap si unisce alla CONSAP !!

di natale

Cresce ancora e si rafforza la CONSAP !
Paolo Di Natale, Segretario Locale sap, in servizio presso Ispettorato di P.S. Viminale, rassegna le dimissioni a quel sindacato e si unisce alla CONSAP !!
Benvenuto e buon lavoro da parte della Segreteria Provinciale CONSAP di Roma!

Festa di Halloween all’Oasi Park. Venerdì 31 Ottobre ore 17.00. Mangiafuoco, Giocolieri, Clown e tanta animazione… INVITO per gli iscritti alla CONSAP

Halloween CONSAPVenerdì 31 ottobre 2014 a partire dalle ore 17.00, gli amici di Oasi Park, presentano OASI Halloween, festa a tema per bambini con Mangiafuoco, Giocolieri, Clown e tanta animazione nel bellissimo  parco giochi sito a Cinecittà (Via Tarquinio Collatino n. 56).  A tutti gli iscritti CONSAP attrazioni gratuite ritirando i biglietti presso la Segreteria Provinciale di Roma
(Via San Vitale n. 15 – Questura di Roma). (clicca sulla locandina). Per info biglietti: 06.48930634 o via mail : segreteria@consaproma.com

FANFARA: La CONSAP incontra i responsabili del 1° Settore U.S.T.G. Segreteria del Dipartimento della P.S

FanfaraUna delegazione della CONSAP , guidata dal Segretario Generale Provinciale Aggiunto di Roma Gianluca Guerrisi
e rappresentata inoltre dal Segretario Locale Antonio Marocco e dal Vice Segretario Andrea Florio della Fanfara
, ha incontrato questa mattina i vertici del 1° Settore U.S.T.G. – Segreteria Dipartimento della P.S. nella persona del Primo Dirigente della Polizia di Stato dr. Angelo Cardelli e del Vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato dott.ssa
Amelia Priaro. Il cordiale incontro, tenutosi in un clima molto professionale, con reciproca disponibilità, ha appresentato per la CONSAP l’occasione per evidenziare alcune tematiche e problematiche emerse nel corso della partecipata assemblea sindacale, indetta dalla CONSAP , che si è svolta alcune settimane fa presso la Sala Musica
della Fanfara della Polizia di Stato. Nello specifico i dirigenti sindacali intervenuti hanno affrontato le seguenti
tematiche: Locale Sala Musica : è stato chiesto di provvedere all’urgente ristrutturazione, rinnovamento e manutenzione dei locali che ospitano il personale della Fanfara (Sala Musica) in stato pietoso e indecoroso,
oltre che pericoloso per le gravi infiltrazioni d’acqua piovana che hanno deturpato muri e pavimenti. La
CONSAP ha espresso perplessità e preoccupazione per la salute e la sicurezza del personale che quotidianamente svolge le prove all’interno dei locali e fatto presente che nei recenti mesi sono stati stanziati dei fondi per l’inizio dei lavori
per la ristrutturazione. In attesa delle previste attività burocratiche di rito richieste, la CONSAP , ha suggerito, una soluzione tampone, per fronteggiare la prossima stagione invernale e l’arrivo delle piogge: l’utilizzo della

tensostruttura non più utilizzata dai colleghi della Banda Musicale e dove sussiste il pagamento dell’affitto di ben 33.000 euro fino a tutto dicembre p.v.o in alternativa usare i locali di Castro Pretorio . Il dr. Cardelli assicurava un suo personale interessamento e intervento presso gli Uffici compete nti del Dipartimento della P.S. per la celere soluzione della problematica rappresentata, ritenendo più appropriato ed efficiente procedere a ll’avvio dei lavori della storica Sala Musica di Ponte Milvio; Pullman Nuovo: la battaglia della CONSAP per fornire la Fanfara della Polizia di Stato di un
Pullman nuovo ed efficiente continua e sempre con maggiore fermezza. E’ stato rimarcato il fatto che quello in
uso ha più volte “lasciato a piedi” il gruppo della Fanfara e non più idoneo al servizio richiesto. La CONSAP ha, per questa tematica, suggerito di utilizzare, in via transitoria, uno dei cinque Cross-Way assegnati alla Questura di Roma, utilizza ti con profitto ed efficienza per diversi impegni istituzionali. Anche per questo punto il dr. Cardelli assicurava di provvedere ad inoltrare una nota di richiesta agli Uffici competenti del Dipartimento della P.S. per un Pullman nuovo;
Indennità di Rumore: la CONSAP ha chiesto già da tempo, come avviene giustamente per la Banda Musicale, il riconoscimento dell’indennità di rumore e ultrasuoni . Il riconoscimento della predetta indennità troverebbe legittimo fondamento (non tanto per l’aspetto economico) per la peculiare attività svolta dal personale a contatto con gli strumenti. Necessario, poi, sottoporre a periodiche e preventive visite di controllo audiometriche il personale per monitorare lo stato d’efficienza udito e ascolto e non come avvenuto tardivamente con alcuni colleghi “messi fuori” dall
a Sala Musica per problemi causati all’udito. La Consap ha chiesto di avviare una più puntuale applicazione della normativa di riferimento sulla sicurezza dei lavoratori con la predisposizione della sorveglianza sanitaria. Il dr.
Cardelli concordava con quanto esposto; Aggiornamento Professionale e Addestramento al Tiro : è stato segnalato come la Fanfara non è attiva, come recita l’Anq vigente in materia di aggiornamento e addestramento al tiro. I dati confermano, purtroppo, una cadenza negativa (ci si addestra al tiro una volta ogni 4 anni…). La CONSAP ha chiesto, anche, di attivare l’aggiornamento di settore e dedicato ai musicisti e di provvedere al rispetto degli accordi che regolano gli istituti. Il dr. Cardelli concordava con quanto esposto; Risorse Umane: la CONSAP ha chiesto la necessità d’inserire, quale figura di coordinamento delle attività burocratiche d’Ufficio (gestione del Personale, Ufficio Servizi , ecc ) un appartenente al ruolo dei Sovrintendenti che possa supportare il Maestro, sovraccaricato di mansioni e responsabilità pre e post lezioni di musica. Il dr. Cardelli si è riservato di parlarne con gli Uffici competenti e di non poter garantire nell’immediato il soddisfacimento della richiesta non conoscendo il piano di mobilità del personale e

le rispettive assegnazioni; Proposta Settimana Corta : la CONSAP ha chiesto di seguire il modello adottato della Fanfara a
Cavallo per applicazione della Settimana Corta anche per la Fanfara di Ponte Milvio, apportando le opportune modifiche per soddisfare esigenze di servizio con il gradimento dei colleghi . Il dr. Cardelli ribadiva di non essere contrario
al cambiamento ma di voler parlare prima con il Direttore dell’U.S.T.G., il Maestro e di voler capi re le reali aspettative di tutto il personale; Servizi Fuori Sede: laCONSAP ha chiesto, come già fatto con l’Ufficio Cerimoniale e Relazioni Es
terne di effettuare una più attenta valutazione per i servizi fuori sede , avendo maggiore indicazione per quelli d’Istituto e di allungare lo stacco tra gli impegni più onerosi e trasferte più laboriose. In attesa di conoscere gli sviluppi dell
e tematiche rappresentate, questa O.S. ritiene doveroso segnalare che la Fanfara della Polizia di Stato è da tutti
considerata “il vanto” dell’Amministrazione della P.S. con cui far “gonfiare il petto” ai nostri Dirigenti e Capi ma poi
allo stato pratico poco si è fatto e si sta facendo per migliorare il lavoro del personale in organico. Per questo
motivo la CONSAP con rispetto ma anche determinazione seguirà tutte le strade percorribili per ottenere migliori
e sacrosante condizioni di lavoro.

Concorso Interno, per titoli di servizio, a 7563 posti, per la nomina alla qualifica di Vice Sovrintendente della Polizia di Stato

Vice SovrintendenteSi è tenuto presso il Dipartimento della P.S.  a seguito della richiesta delle Organizzazioni Sindacali CONSAP, SIULP, SIAP, SILP CGIL, UGL POLIZIA, COISP E UIL POLIZIA un incontro per discutere delle problematiche insorte nelle procedure del concorso per 7563 posti da Vice Sovrintendente.

L’incontro presieduto dal Vice Capo Vicario della Polizia Prefetto Alessandro MARANGONI, al quale hanno preso parte il Direttore dell’Ufficio per le Relazioni Sindacali dr. Tommaso Ricciardi e il Direttore dell’Ufficio Concorsi dr. Giancarlo Dionisi, ha visto specificare da parte delle Organizzazioni Sindacali le problematiche emerse, ed in particolarel’esclusione dalle procedure concorsuali degli appartenenti alla Polizia di Stato per motivi indipendenti dalla loro volontà. Una tematica che riguarda l’esclusionedi circa dodicimila appartenenti alla Polizia di Stato dal concorso.
Inizialmente i rappresentanti del Dipartimento della P.S. hanno delineato oggettivi limiti legislativi alla riapertura dei termini di presentazione delle domande di partecipazione al concorso, rappresentando che un provvedimento di tale entità, potrebbe comportare ritardi difficilmente calcolabili nelle procedure concorsuali se non al blocco del concorso.

Le Organizzazioni Sindacali SIULP, SIAP, SILP CGIL, UGL POLIZIA, COISP, CONSAP E UIL POLIZIA, hanno ribadito fermamente la richiesta di risolvere interamente le problematiche rappresentate, attraverso l’individuazione di soluzioni che non devono essere lesive dei diritti e delle aspettative dei 41.425 appartenenti alla Polizia di Stato che hanno correttamente redatto le domande di partecipazione al concorso in atto, e di quelli a seguire per le vacanze nel ruolo di vice sovrintendente individuate per il 2013 e il 2014.

I vertici del Dipartimento dopo aver ascoltato gli interventi di tutte le OO.SS., si sono resi sin da subito disponibili, verificata la compatibilità normativa presso gli Uffici legislativi dell’Amministrazione della P.S., a riaprire i termini che riguarda circa dodicimilaconcorrenti che ad oggi sarebbero esclusi.

Al termine dell’incontro i rappresentanti del Dipartimento della P.S. , hanno assicurato di aver recepito la complessità delle problematiche poste dalle OO.SS., assicurando che su tutte sarà effettuata una scrupolosa analisi legislativa per verificare se sussistano le condizioni per risolvere le problematiche rappresentate salvaguardando i diritti e le aspettative di tutti gli appartenenti alla Polizia di Stato che hanno manifestato l’intenzione di partecipare al concorso per 7563 posti per Vice Sovrintendente.

Studio Legale Caligiuri : Convenzione per iscritti alla CONSAP. Trattamenti agevolati e servizi anche per i familiari

Accordo di convenzione tra CONSAP Roma e lo Studio Legale Caligiuri per offrire agli iscritti e rispettivi familiari trattamenti agevolati, nonchè servizi con consulenza medico-legale e fiscale, del lavoro, regolamento di disciplina Polizia di Stato (sempre a tariffe molto vantaggiose).
Per tutte le info, rivolgersi alla Segreteria Provinciale al 06.48930634 oppure per mail a: segreteria@consaproma.com

Commissariato di P.S. “Esposizione”: Gravi problematiche! La CONSAP scrive al Questore di Roma !!

Auto 113Gravi problematiche presso il Commissariato di P.S. “Esposizione” in materia di igiene e sicurezza ai luoghi di lavoro e in materia di attività di gestione delle risorse umane in organico. La denuncia CONSAP interessa anche alcuni fatti gravi che mettono addirittura in pericolo la sicurezza del personale e dei cittadini stessi.
Nella nota inviata dalla Segreteria Generale Provinciale di Roma si richiede anche un incontro con il neo Questore da poco insediato presso la sede di San Vitale.

Ispettorato di P.S. Viminale : Dimissioni dal Sap ! Alessandro Paesano Dirigente Sap si unisce alla CONSAP !!

Paesano CONSAPCresce ancora e si rafforza la CONSAP !
Alessandro Paesano, Dirigente Sindacale sap, in servizio presso l’Ispettorato di P.S. Viminale, rassegna le dimissioni a quel sindacato e si unisce alla CONSAP !!
Benvenuto e buon lavoro da parte della Segreteria Provinciale CONSAP di Roma!

Reparto Volanti di ROMA : Dimissioni dal Sap ! Alessandro Masiello Dirigente Sap si unisce alla CONSAP !!

Masiello CONSAPCresce ancora e si rafforza la CONSAP !
Alessandro Masiello, Dirigente Sindacale sap, in servizio presso il Reparto Volanti di Roma, rassegna le dimissioni a quel sindacato e si unisce alla CONSAP !!
Benvenuto e buon lavoro da parte della Segreteria Provinciale CONSAP di Roma

Reparto Mobile di Roma. Aggregazioni presso l’Autoparco della Polizia di Stato. La CONSAP scrive al Dirigente

Rep MobileLa CONSAP scrive al Comandante del I° Reparto Mobile di Roma per avere chiarimenti in merito alle continue aggregazioni di personale presso l’Autoparco della Polizia di Stato.
Da accertamenti condotti dalla nostra O.S. sembrerebbe che le aliquote inviate al predetto Ufficio si possano evitare tranquillamente ben conoscendo la mole di lavoro che interessa i professionisti dell’Ordine Pubblico della Caserma Gelsomini di Ponte Galeria.

Sblocco del tetto retributivo. una vittoria nostra e di tutti i poliziotti !!

FOTO INCONTRO CON RENZI7 ottobre 2014 -CONSAP, SIULP, SIAP-ANFP, SILP-CGIL, UGL Polizia di Stato, COISP e UIL Polizia-ANIP, incontrano il Presidente del Consiglio Matteo RENZI e si vedono assicurato, come da loro tenacemente richiesto, lo sblocco del tetto retributivo che ha sinora duramente penalizzato il personale della Polizia di Stato e più in generale tutti gli uomini e le donne in divisa. Il blocco del tetto retributivo non riguarderà più i Poliziotti. Ciò grazie all’azione caparbia e coscienziosa di chi, questi Sindacati, nell’ambito della Polizia di Stato, rappresenta l’80% del personale e che, unitamente ad altre OO.SS. e rappresentanze del Comparto Sicurezza, Difesa e Soccorso Pubblico, che con loro si sono battute per citato risultato, rappresenta ben il 94% del personale in divisa!! È stato garantito, finanche, come da noi chiesto, lo sblocco anticipato di tale tetto retributivoGià da dicembre, e quindi anche sulla tredicesima, i colleghi si vedranno corrisposti gli assegni di funzione,  i maggiori emolumenti per le progressioni di carriera, etc. etc., che hanno maturato e conseguito in questi  5 anni di blocco!! Quanto sopra è stato ottenuto grazie anche all’apertura al confronto da parte del Governo e nonostante la vergognosa e diffamatoria attività posta in essere dal SAPPINOCCHIO 2.0 (e dai suoi accoliti del “CONSULTORIO”) che ha rischiato di far saltare quel risultato che ogni giorno si è sempre più avvicinato grazie ad una continua, minuziosa  e capace azione posta in essere da queste Organizzazioni Sindacali. L’attività frenetica e contraddittoria del SAPPINOCCHIO 2.0 e degli accoliti DEL CONSULTORIO, si è rivelata fallimentare nell’obiettivo che  si prefiggeva, vale a di reprendere in giro i Colleghi ed assicurarsi qualche disdetta in meno delle centinaia che sta ricevendo!! I Poliziotti, anche sforzandosi, non hanno potuto credere alle frottole ed ai raggiri posti in essere  dal SAPPINOCCHIO 2.0, ….. bugie e falsità da noi peraltro puntualmente sottolineate e denunciate  in un precedente e dettagliato comunicato che i pinocchietti non hanno avuto il coraggio di controbattere. In questo momento lo sblocco del tetto retributivo era il massimo risultato possibile e non era per nulla scontato ma è stato ottenuto solo grazie al nostro impegno, a quelle delle nostre Segreterie Provinciali   e Regionali e delle migliaia di Colleghi che, per alcuni mesi, hanno sopportato il blocco degli orari in deroga  e della reperibilità che abbiamo imposto (mentre il SAPPINOCCHIO 2.0 si preoccupava esclusivamente dei propri permessi sindacali) al fine di far comprendere tanto all’Amministrazione che al Governo  che l’apparato Sicurezza, senza l’impegno e l’abnegazione dei Poliziotti, avrebbe fatto un bel tonfo e che tale serietà posta in essere dalle donne e dagli uomini in divisa meritava la massima attenzione dell’intero Stato. Il nostro impegno sarà adesso rivolto ad ottenere la riapertura del Contratto di Lavoro, l’ottenimento di quegli innumerevoli diritti che ogni giorno vengono negati ai Poliziotti e che pregiudicano anche l’attività che questi pongono in essere a favore di tutta la collettività, una discussione seria sul Riordino delle Carriere.  Ci adopereremo anche di recuperare i danni che il tetto retributivo ha fatto in questi anni. Non sarà per nulla facile ma noi faremo il possibile ed anche più. Di certo da parte nostra non riceverete false promesse! Le bugie le lasciamo al SAPPINOCCHIO 2.0 ed al CONSULTORIO che a riguardo sembrano ben preparati.

Convenzione Università Pegaso. Anno Accademico a 1.700 euro: FACOLTA’ DI GIURISPRUDENZA E DI SCIENZE UMANISTICHE

Convenzione UniPegasoRicordiamo che per tutti gli iscritti alla CONSAP è attiva la convenzione
con Università PEGASO che permette di avere uno sconto per l’anno
accademico da 3.000 euro e 1.700 euro. Le iscrizioni sono aperte tutto l’anno, metodo didattico efficace e di facile assimilazione, riconoscimento dei crediti formativi certificati, presenza in sede richiesta solo per sostenere gli esami, titoli di valore equipollente a quelli tradizionali. Per tutte le informazioni visita il sito web http://www.unipegaso.it .
E’ attivo anche un numero verde per conoscere tutte le informazioni 800 911 771.

Telecamere per l’Uniforme delle Forze di Polizia: via libera all’utilizzo

Telecamere PoliziaAltra novità per la polizia sarà l’uso di piccole telecamere indossabili nel corso di manifestazioni pubbliche, ma solo in caso di effettiva necessità. Lo ha stabilito il Garante della privacy che ha fornito il suo parere sul nuovo sistema di ripresa avviato in via sperimentale dal Dipartimento di pubblica sicurezza in quattro città, Torino, Milano, Roma e Napoli. Il programma prevede l’assegnazione agli agenti di polizia di telecamere indossabili di ridotte dimensioni, da attivare nei casi in cui si verifichino situazioni di criticità in occasione di manifestazioni pubbliche. Il sistema prospettato al Garante dal Dipartimento di Pubblica sicurezza prevede che le telecamere individuali vengano applicate al gilet tattico e attivate in base alle indicazioni del funzionario che dirige il reparto di polizia.  Le videocamere e le schede di memoria sono dotate di un numero seriale che viene annotato in un apposito registro con l’indicazione di giorno, orario, servizio svolto, qualifica e nominativo dell’agente che firma la presa di incarico e la restituzione. La scheda di memoria, al momento della consegna agli agenti, non dovrà contenere nessuna immagine registrata in precedenza. Spetta al funzionario che impiega il reparto impartire l’ordine di attivazione dei dispositivi così come quello di cessazione delle riprese. Al termine del servizio gli agenti, previa compilazione di un foglio di consegna, affideranno tutta la documentazione video realizzata al funzionario che la consegnerà alla locale Polizia scientifica. Nel suo parere il Garante ha sottolineato come il sistema, per quanto finalizzato alla tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, alla prevenzione, all’accertamento o alla repressione dei reati, è pur sempre soggetto al rispetto dei principi del Codice privacy sul trattamento dei dati personali. Le immagini riprese dovranno essere pertinenti e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolte. Il sistema, quindi, dovrà essere attivato solo ove vi sia effettiva necessità, ossia nel caso di insorgenza di concrete e reali situazioni di pericolo di turbamento dell’ordine e della sicurezza pubblica. Le riprese dovranno essere conservate per un periodo di tempo limitato e poi cancellate. Infine, ha specificato il Garante, nel caso si siano effettuate riprese in occasione di situazioni di presunto pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica poi non concretizzatosi, deve essere disposta la tempestiva cancellazione delle immagini.

Pistola Taser Polizia: primo ok e via libera per le telecamere sulle divise. Plauso Consap

Taser per PoliziaSì all’utilizzo in via sperimentale da parte della Polizia alla pistola elettrica Taser. E’ quanto prevede un emendamento di Gregorio Fontana (Fi) al decreto stadi approvato dalle commissioni Giustizia e affari costituzionali della Camera. La parola è ora all’Aula. L’emendamento è stato approvato dopo che il vice ministro Filippo Bubbico, ne ha proposto una riformulazione che prevede che la sperimentazione debba avvenire “con le necessarie cautele per la salute e l’incolumità pubblica e secondo principi di precauzione e previa intesa con il Ministro della salute”.   Altra novità per la polizia sarà l’uso di piccole telecamere indossabili nel corso di manifestazioni pubbliche, ma solo in caso di effettiva necessità. Lo ha stabilito il Garante della privacy che ha fornito il suo parere sul nuovo sistema di ripresa avviato in via sperimentale dal Dipartimento di pubblica sicurezza in quattro città, Torino, Milano, Roma e Napoli. Il programma prevede l’assegnazione agli agenti di polizia di telecamere indossabili di ridotte dimensioni, da attivare nei casi in cui si verifichino situazioni di criticità in occasione di manifestazioni pubbliche. Il sistema prospettato al Garante dal Dipartimento di Pubblica sicurezza prevede che le telecamere individuali vengano applicate al gilet tattico e attivate in base alle indicazioni del funzionario che dirige il reparto di polizia.   Le videocamere e le schede di memoria sono dotate di un numero seriale che viene annotato in un apposito registro con l’indicazione di giorno, orario, servizio svolto, qualifica e nominativo dell’agente che firma la presa di incarico e la restituzione. La scheda di memoria, al momento della consegna agli agenti, non dovrà contenere nessuna immagine registrata in precedenza. Spetta al funzionario che impiega il reparto impartire l’ordine di attivazione dei dispositivi così come quello di cessazione delle riprese. Al termine del servizio gli agenti, previa compilazione di un foglio di consegna, affideranno tutta la documentazione video realizzata al funzionario che la consegnerà alla locale Polizia scientifica. Nel suo parere il Garante ha sottolineato come il sistema, per quanto finalizzato alla tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, alla prevenzione, all’accertamento o alla repressione dei reati, è pur sempre soggetto al rispetto dei principi del Codice privacy sul trattamento dei dati personali. Le immagini riprese dovranno essere pertinenti e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolte. Il sistema, quindi, dovrà essere attivato solo ove vi sia effettiva necessità, ossia nel caso di insorgenza di concrete e reali situazioni di pericolo di turbamento dell’ordine e della sicurezza pubblica. Le riprese dovranno essere conservate per un periodo di tempo limitato e poi cancellate. Infine, ha specificato il Garante, nel caso si siano effettuate riprese in occasione di situazioni di presunto pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica poi non concretizzatosi, deve essere disposta la tempestiva cancellazione delle immagini.